BI24_FLASH_ECONOMIA E TERRITORIO: Confartigianato trasforma in realtà, la possibilità di vendere nel paese più grande del mondo

itaway-confartigianatobiella-7(1)

_Riceviamo da Confartigianato e pubblichiamo:
Lunedì ospiti della nostra organizzazione Mr. Liu Presidente di ITAWAY accompagnato Mrs. GIULIA ZHU ad integrazione e proseguimento del nostro progetto di internazionalizzazione. All’incontro sono intervenuti oltre alle nostre maestranze Massimo Foscale, Cristiano Gatti e Andrea Fortolan, il presidente della Camera di Commercio Biella Vercelli, Alessandro Ciccioni, ed il creative director Pierangelo D’Agostin.
Nell’occasione si è focalizzato meglio gli orientamenti e intuito le prospettive che si potranno dischiudere nel più immediato futuro.
Il primo passo in questa direzione è l’adesione al progetto del primo”Italian Village” di ITAWAY che sorgerà nella città di Wuhan per vendere direttamente in Cina i prodotti dell’eccellenza italiana, aprendo uno spazio commerciale in quello che sarà una delle più grandi piattaforme della Cina.La città di Wuhan, capoluogo della provincia di Hubei, è considerata la “Chicago della Cina”, conta nove milioni di abitanti e un 1.500.000 studenti universitari.
La sua posizione geografica è punto importantissimo di “collegamento tra nove province” perché disegnando un cerchio con centro Wuhan le zone economiche più sviluppate delle quattro direzioni della Cina, Beijing, Shanghai, Guangzhou, Chongqing risultano tutte all’interno e sono facilmente raggiungibili con massimo un’ora di aereo.
“Sottolineiamo con forza che per uscire dal pantano della crisi e della stagnazione
economica – sostiene il direttore di Confartigianato Biella Massimo Foscale – l’unica strada percorribile è quella guardare lontano, cercando di esportare in mercati diversi come quello cinese. La Cina è oggi un Paese in forte sviluppo e nelle grandi città si è formato un ceto medio con alta capacità di spesa, che negli ultimi anni ha avuto modo di viaggiare e scoprire ed apprezzare i prodotti artigianali italiani. L’ accordo firmato con Itaway offrirà a tutte le aziende produttrici la possibilità di proporre direttamente i propri manufatti in una delle più importanti vetrinedella Cina. Un’opportunità da non perdere e che ci vede ancora una volta protagonisti”.
“Italian Village” di Itaway è un complesso architettonico sul modello di città italiana di 100.000 metri quadrati dove sono stati creati spazi commerciali , progettata dall’ architetto
italiano Leonello Zago è di proprietà di “Tongling Dingliang Business Co, Ltd”, azienda capitanata da Luca Qiu, ragazzo di trentanni, nato e cresciuto in Italia. “Tongling Dingliang Business Co, Ltd” nell’ ottobre 2017 ha stretto un accordo di collaborazione con la “Greenland Holdings Corp” il più grande gruppo al mondo di edilizia commerciale, insieme prevedono aperture di piattaforme “Italian Village” in tutto il territorio cinese.
“Itaway è una piattaforma situata nel distretto della città di Wuhan, città con più di 9 milioni di abitanti – gli fa eco il presidente di Confartigianato Biella, Cristiano Gatti – si tratta di uno spazio espositivo permanente dedicato esclusivamente ai produttori europei, aperto al pubblico per la vendita al dettaglio. L’internazionalizzazione è una strada complessa che deve fare capo a una strategia, in Confartigianato Biella un punto di riferimento: le aziende che intraprendono con noi un percorso possono contare su assistenza personalizzata finalizzata a incrementare la propria capacità competitiva e il proprio fatturato attraverso lo sviluppo del proprio business in un paese come la Cina”.

I commenti sono chiusi.