BI24_FLASH_LA BIELLA DI “CAVICCHIOLI”. Caldesi, Fdi: “Un tempo, i Giardini della Rovere erano belli, silvestri, ospitali…”

biella-giardini-rovere-biella24-002

“La parola silvestre può essere sinonimo di boschivo ma non deve esserlo di trascurato e abbandonato… Quando sono nati, i Giardini della Rovere di Viale Macallé si distinguevano dagli altri parchi cittadini per il loro aspetto, appunto, un po’ silvestre. Una cosa positiva, che poteva senza dubbio invogliare la frequentazione degli stessi: sedersi sulle panchine, portare a spasso i cani, godere del fresco in estate… Ora, le cose sono ben diverse”.
Ancora una volta, il… dito di Fratelli d’Italia, trova una delle tante piaghe dell’Amministrazione Cavicchioli. E ci s’infila, facendo male. Questa volta, Livia Caldesi è andata a… farsi un giretto dalle parti di piazza Adua ed è tornata a casa con una interrogazione per il prossimo Consiglio Comunale.
“Questi giardini sono ormai divenuti un vero e proprio monumento all’abbandono e alla trascuratezza: di fatto i camminamenti in certe zone non esistono più oppure sono pieni di buche e con il fondo disconnesso, di alcune panchine restano solo due monconi a terra, peraltro mai rimossi, i rami secchi sono ovunque. Sarebbe bello – conclude il consigliere di opposizione – sapere se l’Amministrazione Cavicchioli, ha intenzione di occuparsi anche di questa parte della città”.

I commenti sono chiusi.