BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Il nuovo Governo, non si dimentichi del grave caso di Cesare Battisti”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
L’Italia è il Paese dalla memoria più ‘corta’ del mondo! Ci sono fatti, soprattutto di cronaca nera, che sembrano trasformarsi in episodi quasi ‘personali’, tanto ci coinvolgono individualmente: ma dopo poche settimane, o pochissimi mesi, li ‘dimentichiamo’ subito sconsideratamente tutti, e quasi dimentichiamo addirittura i nomi ed i fatti storici dei protagonisti, malgrado si siano resi responsabili di fatti gravissimi! Nessuno di noi può in effetti avere scordato la vicenda che ha coinvolto un italiano assassino trasferitosi, scappando, all’estero (e precisamente in Brasile) per sottrarsi all’arresto, che lo doveva vedere dietro le sbarre per tutto il resto della vita. Si trattava persino di un connazionale con un nome che tutti quanti abbiamo imparato… studiando ‘storia’ a scuola: Cesare Battisti.
Dopo aver confidato nell’imminente trasferimento in carcere in Italia dell’assassino, dopo averci financo creduto in quanto tutti l’avevamo visto ammanettato e fra numerosi poliziotti stranieri, ecco che improvvisamente se ne è smarrita la percezione: in altre parole, non l’abbiamo più visto, né direttamente né indirettamente! Per il vero davo per scontato che i governi di Roberto Fico, di Laura Boldrini, di Matteo Renzi, di Maurizio Martina e di Carlo Calenda avrebbero ‘inventato’ qualche balla gigantesca per tenere fuori dalla galera un ’compagno’ comunista esattamente come tutti loro, e cioè una sorta di… ‘collega politico’: ma onestamente pensavo che, cambiato governo, cambiato regime, finalmente ed immediatamente scattasse la procedura per realizzare finalmente quell’arresto di Cesare Battisti che tutti abbiamo sperato di poter vedere con i nostri occhi.
Ed invece assolutamente nulla! Sono passati i mesi e non è accaduto nulla! Nessuno parla più dell’assassino, nessuno sa in realtà dove sia, e soprattutto nessuno sa se il governo Conte stia facendo qualcosa, o abbia già fatto qualcosa, per chiudere questa tristissima vicenda finalmente aprendo le porte delle carceri italiane per un assassino che l’ha già ‘fatta franca’ troppo a lungo! Qualcuno, dunque, ci dica finalmente qualcosa di realistico e di positivo! O dobbiamo in effetti davvero vergognarci di essere italiani?

I commenti sono chiusi.