BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Sulla questione della caccia, il mio amico Dellarovere ha proprio ragione…”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Guido Dellarovere secondo me ha perfettamente ragione con la sua polemica sulla caccia (cfr. il bisettimanale “Provincia di Biella” di sabato 29 settembre 2018 alla pagina 7, anche se, forse, un po’ mi dispiace (lo devo confessare!) proprio perché non ho mai amato dedicato un solo attimo del mio tempo libero alla caccia! E spiego subito la ragione: da una parte è fondamentale sottolineare che non sono assolutamente – come ha già detto – un cacciatore e che dunque nella mia (ormai lunga) vita non ho mai partecipato, neppure marginalmente, ad una battuta di caccia: non solo, ma ho sempre, evitato di essere in prossimità di aree di caccia proprio per evitare anche quegli incidenti che spesso caratterizzano gli uomini con il fucile in mano.
Detto ciò, ho apprezzato i numerosi (anche se per me non tutti sono condivisibilissimi, per il vero) motivi che hanno indotto Dellarovere a coltivare il suo amore per la caccia e la sua passione per la mezza giornata, o la giornata intera, che egli dedica alla sua impegnativa giornata munita di… ‘cane e di fucile’. Ma quel che apprezzo nel discorso che sta facendo Dellarovere è la lotta alla ipocrisia che quasi sempre campeggia e trionfa durante i discorsi degli ‘anti-cacciatori’. Più che giustamente il mio amico cacciatore mette in rilievo che spesso ‘alla sera si grigliano la bistecca e mangiano il panino con il prosciutto’. Senza dire di quel che accadrebbe se dovessimo fare i conti, senza cacciatori, con caprioli o cinghiali, come già siamo abituati a fare dacché abbiamo deciso che amare gli animali debba significare consentir loro di riprodursi in modo massiccio e senza controllo, spesso con grave danno anche agli agricoltori (e perché siamo abituati a ‘non considerarli’?).
E quindi questo mio breve intervento vuole essere il ragionamento serio, sereno e tranquillo di un uomo che, non essendo mai andato a caccia, e non amando assistere a battute di caccia, tuttavia è certamente ‘dalla parte di Guido Dellarovere” e non degli ‘anti-caccia’ che, scorrettamente, ogni giorno si nutrono di carne proveniente… dall’uccisione di migliaia animali. Io amo, senza andare a caccia, mangiare carne anche se proveniente da … ‘fucilate’ sparate ‘alla grande’. Alla faccia di tutti gli ipocriti che fingono di essere fedeli al principio del ‘no alla caccia’ e che poi si scopre che si alimentano di selvaggina, di uccellagione e di pesca!

I commenti sono chiusi.