BI24_FLASH_LA FOTO. Calcio e dintorni: Biellese bruttissima, sconfitta dall’Alicese e contestata dai vecchi Ultras

_Ros
Peccato. Veramente. Peccato perché l’alba della prima giornata di Eccellenza, per la Biellese di Braghin, sembrava veramente foriera di buoni auspici: giornata caldissima, i bimbi del settore giovanile allo stadio con i loro genitori, una cifra record, all’ingresso delle squadre in campo, di 400 spettatori sugli spalti.
E invece, alla prima al “Pozzo Lamarmora” i bianconeri steccano clamorosamente, disputando una partita confusionaria, ricca di errori e povera di idee, da cui non li può salvare neanche la buona voglia di lottare dimostrata per tutto il match. Oltre al danno la beffa, il gol decisivo arriva poi dall’ex Mancuso, giovane attaccante lasciato partire con un po’ troppa leggerezza tre stagioni or sono…
Non solo. Per capire quanto la prima “alba” della Biellese, sia stata decisamente diversa dal… “tramonto”, basta un particolare. Secondo tempo, appena l’arbitro fischia la ripresa, una ventina di “Veterani” degli Ultras Biella entra allo stadio, si dirige nei Popolari, appende due striscioni contro la dirigenza e poi si gira di spalle, cantando “La Biellese siamo noi”, prima di andarsene.
Ecco: proprio in quel momento, i bianconeri vanno in svantaggio e non si riprendono più, coronando in negativo un primo tempo impacciato ed impreciso. Steccata la prima, ora serve ricucire lo strappo con il tifo organizzato fuori dal campo, ma serve anche e soprattutto che in campo si mettano idee e determinazione, perché non è con i giocatori fuori ruolo (Cremonte), con le palle lunghe (e speriamo…) e senza saltare mai l’uomo, che si può sperare di lottare per i vertici della classifica.

I commenti sono chiusi.