BI24_FLASH_IL VIAGGIO ED IL CORAGGIO. I ragazzi delle parrocchie biellesi, a Scampia per combattere l’emarginazione…

biella-giovano-biellesi-scampia-biella24

_Fratel Emanuele Dondolin
Mentre alcuni giovani della diocesi sono partiti per la Route Diocesana che li porterà davanti al Santo Padre in vista del Sinodo dei Giovani vediamo invece un folto gruppo di ragazzi della grande parrocchia di San Paolo che si sono recati in trasferta a Scampia spesso vista come luogo dove la criminalità organizzata ha il potere. Una scelta coraggiosa quella dei ragazzi e del vice parroco don Emanuele Biasetti ma ancor più
coraggiosa quella di Fratel Enrico Muller che insieme a Fratel Raffaele ha fondato il centro educativo dei Figli di San Giovanni Battista de La Salle.
Un centro che ogni anno ospita ragazzi e ragazze emarginati dalla società; un centro che non è solo luogo didattico ma di vita perché chi sceglie la formazione dai figli di De La Salle sceglie di avere non solo educatori ma amici che hanno votato la vita alla catechesi e alla scuola dove il bene dei ragazzi sono la loro missione. Il centro è un luogo inoltre che gli permette di esprimere se stessi dove le differenze sociali vengono appianate dall’amicizia insomma più che un centro è una famiglia che accoglie senza preclusioni economiche sociali e culturali proprio perché l’ insegnamento ha come radice l’esempio che avevano le prime comunità cristiane nate ai tempi di Gesù.
Molti i ragazzi che usciti dopo aver conseguito il titolo di studi ha non detto dei lasalliani di Scampia che ” la loro presenza è fondamentale perché hanno costruito un altra Scampia non conosciuta come luogo solo di criminalità o delinquenza; hanno costruito quella Scampia che lotta contro la mafia rispondendo con la cultura mettendo al centro lo stile di oggi che in don Pino Puglisi trova il suo progetto di vita. “Oggi la comunità Casa Arcobaleno è presente con la scuola del centro educativo fondato dai figli di San Giovanni Battista de La Salle. Un luogo che per molti abitanti di Scampia; specialmente i ragazzi; è diventata una seconda casa. L’ obiettivo del centro educativo lasalliano e’ proprio aiutare i ragazzi a una rieducazione a un nuovo stile di vita diverso da quello che può proporre la città.

I commenti sono chiusi.