BI24_FLASH_LA VITA SPIRITUALE. Il Vangelo di oggi: Matteo ci ricorda ogni giorno, che bisogna affidarci a Gesù Cristo

vangelo-biella24

_Fratel Emanuele Dondolin
+ Dal Vangelo secondo Matteo:
In quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananea, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele». Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore, – disse la donna – eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.
IL COMMENTO_
Nel Vangelo di Oggi vediamo il monito del Signore verso la donna desiderosa di seguirlo. Notiamo infatti il Signore che le dice “non è bene prendere il pane dei figli e darlo ai cagnolini” e poi “È vero Signore eppure i cagnolini mangiano alla tavola dei loro padroni” e poi “Donna grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri”. Tre frasi che analizzate sono la ” prova” del Signore verso la donna della sua fede che accertatosi con una obiezione della donna la accetta con se per la devozione che, con una similitudine, le dimostra a lui con un amore encomiabile. Il Vangelo ci chiede di affidarci a Gesù perché solo in lui sta la nostra sicurezza con la realizzazione di quanto chiediamo. Così fece San Domenico che festeggiamo nel giorno della sua memoria. San Domenico che come San Francesco fu a Cristo un modello esemplare di vita data la fondazione dei frati predicatori nati per contrastare l’ eresia dedicandosi così all’insegnamento della teologia e a una perpetua predicazione per la difesa della fede che lo portò alla sua Santificazione il 3 luglio e alla sua scomparsa il 7 agosto. Il suo esempio è quanto ci chiede Cristo ovvero di essere a lui fedeli ma custodi della fede cristiana. Essere come San Domenico significa porre in Gesù e nella Chiesa tutto noi stessi. Sappiamo che non è semplice ma tentare è necessario per non essere colpiti da un bieco laicismo.

I commenti sono chiusi.