BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Attilio Orcelletto: “Quell’odio verso i francesi, che nasconde anche un bel po’ di invidia…”

francia3-1-990x558

_Attilio Orcelletto
Diciamo la verità: noi non amiamo i francesi, anzi, per essere sinceri, soprattutto dopo la conquista del titolo mondiale, anche se non possiamo e dobbiamo confessarlo, ci stanno decisamente… ‘sulle palle’! Ma se pensiamo al ‘rigore’ della loro ‘lingua parlata’, e cioè il francese, improvvisamente sentiamo il cuore che finalmente prova un sentimento di orgoglio che noi, invece, purtroppo, non riusciamo ad avere.
Loro non hanno sentito il bisogno di ‘americanizzarsi’ e quindi di… ‘darsi all’inglese’: semplicemente i cittadini francesi non ne hanno sentito l’esigenza e la necessità, ed hanno, più che giustamente, coltivato la purezza della loro lingua. Ed allora noi Italiani, invece, purtroppo, ormai siamo abituati alla lingua inglese, cioè alla lingua tecnicamente
più povera, più sciocca, cretina e ridicola del pianeta.
Ecco la ragione che fa nascere, in ciascuno di noi, anche un pizzico di invidia nei confronti di una Nazione e di un popolo che fa derivare la propria autorevolezza, non da servilismo che dura da settant’anni, ma da una dignità e da una fierezza che merita stima e considerazione.
E’ doveroso riconoscerlo, ed è necessario affermarlo con il senso di stima che dobbiamo a questi eredi tradizionali dei… Galli. E quindi, pur se con la pesante fatica per le ragioni che abbiamo già detto, riconosciamo ai francesi la legittimità del titolo mondiale ed ormai, passati diversi giorni dal momento in cui facevamo il tifo per la simpatica Croazia,
psicologicamente passiamo anche noi sotto l’Arc du Triomphe a battere le mani! Con un pensiero sempre affettuoso per la Croazia!

I commenti sono chiusi.