BI24_FLASH_VOCI DA ROMA. Cristina Patelli, Lega: “Aumenta il Fondo Unico per lo Spettacolo, un bene per cultura e lavoro”

lega-cristina-patelli-biella24-005

_Cristina Patelli (Deputato Lega Nord)
Tra le linee programmatiche per i beni e le attività culturali che ha esposto il Ministro Bonisoli vi è un punto che mi sta particolarmente a cuore. Sul tema dello spettacolo dal vivo apprendo con favore l’aumento del Fondo Unico per lo Spettacolo. In particolare, nella relazione si parla di revisione degli attuali criteri di assegnazione, citando in modo estremamente condivisibile l’incentivazione fiscale ma soprattutto introducendo meccanismi premianti per la creazione di occupazione, l’inclusione sociale, il recupero delle periferie.
Recentemente ho avuto modo di verificare che proprio in coda alla passata legislatura la commissione ha deciso di penalizzare alcune rappresentazioni di spettacoli dal vivo che racchiudono, guarda caso, le caratteristiche citate dal Ministro con attenzione a favore di altre realtà più d’avanguardia ma senza un concreto riscontro in termini di ricaduta territoriale.
Sono stati esclusi dal Fus festival che permettono di dare lavoro a tantissime compagnie, che si collegano in modo perfetto con il turismo del luogo, in una sinergia che da anni unisce e lega cultura, storicità e turismo, tenendo conto proprio delle specificità, e cito ad esempio il Festival “Acqui in Palcoscenico” in Piemonte, sul territorio alessandrino, tra città e provincia, che ad oggi è stato penalizzato economicamente. E messo a rischio di sopravvivenza.
Chiedo quindi di voler concretizzare senza indugio il potenziamento della disponibilità dei Fus, ma soprattutto di riporre l’attenzione che è necessaria sugli elementi di premialità, affinché non siano penalizzati storici eventi che si fondono con la cultura di un luogo e che oltre al consenso sono collegati alla tradizione dei territori.

I commenti sono chiusi.