BI24_FLASH_A ZONZO PER IL BIELLESE. Antonio Montoro: “Quanti negozi chiusi, risalendo verso la Valle Cervo…”

_Antonio Montoro
Trovo il nostro Biellese bellissimo, con un verde emozionante, soprattutto in questo periodo. Abbiamo Santuari da invidia: Oropa, Graglia, San Giovanni d’Andorno e molto altro ancora. Siamo nel mese di luglio, il caldo comincia a farsi sentire e la gente del posto e i turisti amano andare verso la montagna. Alcuni giorni fa mi sono recato verso Piedicavallo.
Giunto a Rosazza mi ha colpito immediatamente il bar ristorante di fronte alla Chiesa chiuso.Ero abituato a vedere gruppi di persone sedute a parlare animando la piazza. Anche la bottega che vendeva di tutto, alimentari compresi, ha cessato l’attività. Arrivo a Piedicavallo e mi reco verso lo storico chiosco in fondo alla strada, da sempre luogo di aggregazione e per la prima volta lo trovo chiuso.
Non so come si possa arginare questo fenomeno di desertificazione. Spero che qualcuno abbia qualche idea in corso. Di gente ne ho vista,e di conseguenza potenziali clienti. Tenere aperto almeno nei tre mesi di caldo, renderebbe più vivace e appetibile questa zona. Il turismo ha bisogno di queste strutture. Questi luoghi hanno bisogno di essere conosciuti fuori dai confini biellesi, ma purtroppo questa è un’altra storia. La vocazione turistica o ce l’hai o la impari. Tutto il resto purtroppo è niente.

I commenti sono chiusi.