BI24_FLASH_BOTTA E RISPOSTA/2. Alessio Pasqualini, Lega: “Più di così, in 36 giorni di Governo, Salvini non poteva fare…”

biella-alessio-pasqualini-lega-biella24

_Alessio Pasqualini (Lega Nord)
Il soli 36 giorni di governo Lega, possiamo affermare che la vecchia linea politica, firmata Partito Democratico, è tornata nell’inconscio più profondo. Ci dicevano che le nostre proposte erano irrealizzabili, invece il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si è dimostrato in poco tempo uno stratega forte e determinato, dimostrando ai suoi elettori e a tutto il popolo Italiano di saper mantenere le promesse fatte in campagna elettorale. In 10 giorni di Governo il Segretario Federale della Lega, in modo duro e razionale, con la collaborazione del Ministero delle Infrastrutture, è riuscito a bloccare il fenomeno delle ONG, causa maggiore del traffico di esseri umani.
Bloccando le navi Aquarius, Lifeline e Seawatch3, che erano solite raccogliere i profughi nelle acque Libiche e deportarli in Italia per puri scopi economici, l’Italia ha dimostrato di poter imporre e portare avanti una linea decisa e sovranista. Chiudendo i porti Salvini ha dimostrato all’Unione Europea, che l’Italia non ha intenzione di diventare il campo profughi d’Europa. Negli ultimi giorni il Ministro Salvini si è recato in Libia per incontrare gli esponenti del Governo Libico e risolvere il problema delle partenze: l’idea è quella di istituire un blocco navale al largo delle coste libiche che impedisca la partenza delle imbarcazioni e prevenga le morti in mare, danneggiando il business degli scafisti.
Nella stessa occasione, Salvini ha annunciato lo spostamento di 42 milioni di euro dalla voce “accoglienza” a quella “rimpatri”. Inoltre, il Governo Italiano sosterrà dal punto di vista economico la marina militare libica per combattere l’immigrazione clandestina e fermarla definitivamente. Le migliori intenzioni sono quelle di cambiare i trattati dell’Unione
Europea e riaffermarsi all’interno di essa, sia dal punto di vista politico che economico. Ovviamente ci vuole tempo, anche con un governo forte come questo, e auspichiamo che coloro i quali, godendo dell’alleanza, hanno espresso eletti in Parlamento, a differenza che all’Europarlamento, dove sono assenti e dunque non possono arrogarsi meriti né propositivi nè concreti, non facciano il gioco del PD criticando anzitempo e dando lezioni a chi, al contrario di loro, si è preso la responsabilità di governare il Paese.
Nel documento approvato recentemente dal Consiglio Europeo viene stabilito che «tutte le navi che operano nel Mediterraneo devono rispettare le leggi applicabili e non ostruire le operazioni della Guardia costiera libica» e procedure per «distinguere tra migranti irregolari, che saranno rimpatriati, e chi necessita di protezione internazionale, per cui si applicherà il principio di solidarietà». Come si può notare, la ripartizione per quote, pur essendo su base volontaria, sarà limitata agli immigrati regolari, perchè i clandestini verranno direttamente rimpatriati.
Nonostante la coerenza e l’onestà dimostrata dalla Lega, c’è chi continua a criticare ogni singola mossa del ministro dell’Interno Salvini e, in generale, di tutto il Governo, con spirito unicamente ostile e non costruttivo. Ci auguriamo che chi ha l’ardire di voler rappresentare la destra non segui la sinistra su questa strada solo perché non siede nei tavoli che stanno lavorando.

I commenti sono chiusi.