BI24_FLASH_L’EUROPA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “In Germania, sta finendo il tempo della Cancelliera Merkel?”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Mentre la crisi politica in Germania ha già indotto le varie correnti di sinistra a prospettare (per quanto timidamente) una nuova alleanza per le prossime elezioni, la domanda di cambiamento è palpabile anche tra i conservatori. Essa ruota intorno al conflitto tra la Cancelliera Angela Merkel e il Ministro degli Interni Horst Seehofer su chi dirà l’ultima parola sul delicato e scottante problema dei profughi. Ma non è solo un conflitto tra due membri del governo, bensì anche tra i leader della CDU (Angela Merkel) e quelli del partito alleato in Baviera, la CSU (Horst Seehofer).
Se al consiglio europeo del 28-29 giugno la Merkel non avrà ottenuto della questione migranti una soluzione a livello dell’UE, Seehofer, minaccia, invocherà i poteri del suo Ministero per imporre rigidi controlli al confine bavarese con l’Austria e la Repubblica Ceca. Angela Merkel, dal canto suo, ha minacciato di usare l’autorità della Cancelleria per ribaltare tale decisione, il che implicherebbe una resa dei conti finale tra i due. In quel caso “è imminente la fine dell’alleanza tra CDU e CSU”, come ha scritto il quotidiano Die Welt,
Merkel implicante sostanzialmente la probabile fine della Cancelleria Merkel. Quanto ai socialdemocratici, che fanno parte di questa coalizione di governo con CDU-CSU, il loro partito si starebbe già preparando alla caduta del governo e alle elezioni anticipate dopo la pausa estiva.
Infatti, se la CSU lasciasse la coalizione, CDU ed SPD non avrebbero più la maggioranza parlamentare e dipenderebbero dalla buona volontà dei partiti di opposizione per poter governare. La questione posta ora dai ‘media’ dominanti è se la CSU cercherà di superare il suo confinamento alla Baviera e diventare un partito nazionale, come la Lega in Italia. Il
partito di Seehofer potrebbe capitalizzare sulla crescente impopolarità della CDU della Merkel tra i conservatori, sfidando il proprio partito fratello. In questo contesto, un recente sondaggio pubblicato la scorsa settimana ha provocato uno shock: risulta che il potenziale elettorale di una CSU allargata a livello nazionale raggiungerebbe il 18%, con una CDU al 22% in Baviera.
In un modo o nell’altro, la fine della Merkel sembra vicina, e lo pensano molti tedeschi: stando a un sondaggio del team di YouGov, il 43% degli intervistati pensa che la Merkel dovrebbe dimettersi, anche se il 42% pensa che dovrebbe rimanere, mentre solo il 32% ritiene che la coalizione di governo arriverà alla fine del suo mandato. Tutti questi scenari si basano naturalmente sul fatto che la CSU non cambierà posizione. Ma anche se lo facesse, la coalizione è già stata minata al punto che le sarebbe difficile governare. E dunque sta per finire ‘l’era Merkel’: la Germania sta per cambiare ‘casacca’ e dobbiamo abituarci a dimenticare il ‘dolce’ sguardo della Cancelliera!

I commenti sono chiusi.