BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Raffaella Spaudo: “Il censimento dei Rom?Fondamentale per garantire più sicurezza…”

campo-rom-generica

_Raffaella Spaudo
Il censimento dei Rom, evocato dal ministro dell’interno Matteo Salvini, è doveroso e indispensabile per la garanzia della sicurezza, al fine di portare alla luce le irregolarità. Come al solito però la sinistra e non di meno i M5S si scandalizzano e giudicano tali
verifiche ingiuste, inutili e perfino razziste, spalleggiati anche dal consiglio d’Europa che afferma:”Fare un censimento delle persone sulla base delle loro origini etniche violerebbe apertamente gli standard europei e internazionali sui diritti umani”.
L’obiettivo è individuare e contrastare tutte le situazioni di illegalità e di degrado ovunque si verifichino, in modo da tutelare la sicurezza di tutti i cittadini, il censimento dei nomadi è necessario proprio perchè essi si spostano, a volte seguono regole e leggi proprie e poi fra di essi si nascondono anche degli irregolari. Molte di queste famiglie hanno un reddito e noi stiamo mantenendo delle famiglie che possono già mantenersi da sole. Dobbiamo capire chi c’è dentro i campi e in che condizioni si trova; è necessario avviare una serie di misure per superare gradualmente questi ” campi”.
Tutti i bambini devono andare a scuola, essere vaccinati e vivere nelle condizioni che gli permettano di essere realmente in grado di integrarsi una volta cresciuti. Gli adulti devono lavorare e pagare le tasse, come tutti, vivere nelle case quando possono permetterselo
perchè i campi sono luoghi con leggi a sè dove è più difficile far rispettare la legge. Mi perdonino i buonisti ma devo dire che gli zingari si sono ghettizzati da soli e questo non può più essere tollerato, tutti fuori, alla luce del sole!

I commenti sono chiusi.