BI24_FLASH_DALLA REGIONE. Vittorio Barazzotto: “Ecco le regole per le strutture extra alberghiere: migliorate tante cose”

vittorio_barazzotto

_Riceviamo dalla Regione e pubblichiamo:
La terza commissione del Consiglio Regionale ha espresso a maggioranza parere preventivo favorevole al regolamento di gestione delle strutture ricettive extra alberghiere. In questo modo può trovare attuazione la nuova legge approvata lo scorso luglio. Il consigliere regionale Vittorio Barazzotto proprio a Candelo, nel Biellese, circa un mese fa, aveva incontrato assieme al consigliere di opposizione e collega Gianluca Vignale quasi cento operatori della Provincia di Biella e non solo.
Spiega il consigliere: “La preoccupazione rispetto al primo testo presentato era molto alta, ma il lavoro di ascolto e di mediazione su diversi punti ha dato i suoi frutti. I giorni di apertura degli affittacamere non imprenditoriali è salito a 270 giorni con un minimo di 45 giorni continuativi iniziali. Fino a sei camere non persiste l’obbligo del superamento delle barriere architettoniche e dell’imposizione della tv in ogni camera da letto. Viene poi snellita molto la parte relativa alle nuove pratiche burocratiche”.
Non è mancata qualche critica. Barazzotto spiega: “Ci sono alcune regole, legate al rispetto dell’Haccp, normate da un regolamento europeo, così come le volumetrie da rispettare. Non su tutto si è potuto intervenire, ma credo che il risultato finale sia un ottimo esempio di confronto e mediazione tra le parti, ragionato sulle necessità reciproche del legislatore e dell’utilizzatore”.
Gli aspetti più rilevanti della nuova disciplina riguardano poi l’introduzione della formula delle case e appartamenti per vacanze denominate residence, semplificazioni delle case per ferie che potranno chiamarsi foresterie e centri soggiorno, questi ultimi con specifiche e puntuali finalità sociali, educative e sportive. Per le strutture extra alberghiere localizzate lungo itinerari e sentieri escursionistici riconosciuti come tali dalla Regione Piemonte di

aggiungere alla propria denominazione quella di posto tappa con caratteristiche peculiari e servizi di offerta turistica dedicati.

I commenti sono chiusi.