BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA/2. Raffaella Spaudo: “Eccolo il terrorismo islamico, che ogni giorno ci abita proprio accanto…”

arresti-islam-italia-biella24

_Raffaella Spaudo
In Piemonte negli ultimi giorni sono stati effettuati diversi arresti di giovani aderenti alla rete terroristica. Ultimo un giovane marocchino che con le sue “attività criminali” di istigazione a delinquere per finalità di terrorismo cercava giovani adepti con false promesse.
L’arresto arriva il giorno dopo quelli che hanno attaccato la rete italiana di Anis Amri, quattro tunisini e un palestinese accusati di essere fiancheggiatori dell’autore della strage di Berlino, 48 ore prima fermato un giovane accusato di progettare attentati con un camion e addirittura nell’ultima settimana fermato il presidente di un centro islamico che indottrinava bambini dai 4 ai 10 anni al jihad.
“Una intensa propaganda jihadista inneggiante al martirio, alla ricompensa che Dio concederà alla comunità dei musulmani impegnati nel jihad, alla punizione che la stessa riserverà ai miscredenti, esaltando le gesta, il valore ed il coraggio dei combattenti in nome di Allah”.
Onore alle Forze dell’ordine che lavorano per scovare questi soggetti ma lo sforzo dovrebbere aumentare da parte dei governi Europei perchè Il cosiddetto terrorismo
“homegrown”è una minaccia estremamente insidiosa e complicata da contrastare perché si origina, prende forma e si sviluppa tra le pareti di casa, dove la persona si avvicina alle tesi della propaganda e aderisce al programma poichè ne rimane affascinato mettendo poi in atto comportamenti con lo scopo di raggiungere il fine dell’organizzazione cui fa riferimento.
Internet nasconde insidie terribili e i social network sono spesso reti di adescamento, ma è
possibile che non possano essere intercettati e fermati prima? Anche su youtube ci sono spesso video visibili a tutti provenienti da organizzazioni terroristiche eppure a livello mondiale non vengono efficacemente contrastate e sempre più giovani vengono adescati. E’ invero terribile vivere con la paura che il “nemico” spesso nato in Europa, viva alla porta accanto!

I commenti sono chiusi.