BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Meno male che in politica, esiste questa sinistra incapace e goffa!”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Per fortuna in politica esiste la sinistra che si muove con la sua incredibile incapacità e con la goffaggine tipica del ‘neo-comunismo’. Ecco le tracce sui giornali nazionali: “Tocca a Lega e M5S – noi all’opposizione” – Martina compatta il Pd” (cfr. “La Stampa” del 13.3.2018 pagina 4). C’è pienezza di consensi in ordine alla ‘semplicioneria’ della struttura dirigenziale del Partito Democratico: per chi, come il sottoscritto, è strutturalmente ed irrimediabilmente anticomunista, la dirigenza politica della sinistra è… ‘essenziale’, se rimane immutata: guai a toccarla, e guai a modificarla!
Non è un caso che il quotidiano “Libero” del 13.3.2018 alla pagina 7 titoli a tutto campo: “Dem autolesionisti – Pur di uccidere l’odiato Matteo hanno ammazzato il partito”. Ed il sottotitolo: “Gli anti-renziani sono mossi solo dall’astio per chi li ha fatti fuori. All’ex premier sarebbe bastato dare una poltrona a D’Alema e Bersani per evitare la guerra”.
Questa è la assolutamente imprevista ragione che giustifica la mia accorata gratitudine nei confronti della dirigenza del Partito Democratico per avere provveduto, essa stessa e senza l’aiuto degli anticomunisti, allo… ‘sfascio’ totale della organizzazione politica del partito.
E tutto ciò malgrado la presenza, sul versante opposto, di Silvio Berlusconi, la cui ‘vivacità’ è ormai completamente spenta e francamente un po’ ‘penosa’! L’importante, ora, è cercare di comprendere che cosa potranno fare le forze politiche (o meglio, le forze partitiche) visto che, se tutti quanti mantengono la parola data (ipotesi, per il vero, pressoché impossibile per chi conosca i partiti!), non risulta matematicamente immaginabile il raggiungimento di una qualsivoglia stabile maggioranza parlamentare
Ecco perché io confido nel… Partito Democratico per poter giungere finalmente e definitivamente ‘al dunque’ di questa fase drammaticamente scellerata, in cui la politica è di fatto prigioniera di una sorta di ‘imbottigliamento’ che dimostra l’ormai inevitabile fine dell’attuale democrazia parlamentare e la necessità ed urgenza di una nuova ed imminente riflessione istituzionale. Grazie, comunque, alla ‘media’ ed alla ‘estrema’ sinistra: senza di esse proseguivamo ancora nella melma della partitocrazia. Se me l’avessero detto, avrei risposto che era inimmaginabile!

I commenti sono chiusi.