BI24_FLASH_SICUREZZA E DINTORNI/1. Cristina Patelli, Lega Nord: “Internet deve essere sicuro per tutti, non solo per la signora Boldrini…”

lega-cristina-patelli-biella24-004

_Cristina Patelli (Lega Nord)
Si continua a leggere, anche nel nostro territorio, di operazioni della Polizia Postale e delle Comunicazioni, ma non tutti forse sanno che il governo Renzi ha dimezzato il personale specializzato con l’intenzione, addirittura, di chiudere le Specialità sui vari territori, rinforzando solo Roma. Alla vicenda si sono interessati alcuni politici locali, ma la domanda sorge spontanea: come è possibile un singolo deputato vada contro le disposizioni del suo Governo? Forse a sinistra sono un po’ confusi, o molto più semplicemente si tratta solo di iniziative di apparenza.
Al momento, l’idea di sciogliere le Sezioni è stata accantonata, ma solo per confondere e per prendere in giro gli elettori, visto che si parla di chiuderle dopo le elezioni. Dev’essere chiaro che la Lega non starà e guardare e che se qualcuno intenzione concretamente togliere un servizio ai cittadini Biellesi, nel silenzio e nell’indifferenza, la Lega si opporrà on fermezza, perché la sicurezza è importante non solo per chi gira con la scorta e l’autista, ma anche per il “normale cittadino”, per i nostri figli.
Ancora una volta appare evidente quanto certi politici siano ormai distanti dai cittadini e quanto pressapochismo ci sia nel pensare che in un mondo sempre più coinvolto dal web e da internet, dove peraltro la cronaca ormai non fa altro che parlare di pedofili on-line, adescatori, cyberbullismo, truffe on-line e quant’altro, si possa pensare di abolire la Polizia Postale invece di potenziarla. Aumentare le risorse, non togliere, per me e per la Lega significa sicurezza.
A Biella sono rimasti un pugno di operatori che incontrano ragazzi, lavorano e non si danno per vinti mentre a Roma invece ci risulta che la sola signora Boldrini abbia distaccato presso la sua segreteria almeno altrettanti operatori dalla Polizia Postale di Roma solo per scoprire chi la prende in giro sul web. Due pesi e due misure. Da una parte i cittadini con nessun privilegio e dall’altra la politica piena zeppa di privilegi.
Nessuno dice che la signora Boldrini non debba perseguire chi la infastidisce o prende in giro tramite il web, ma è assurdo che si impieghino le stesse risorse di cui dispone un’intera provincia, densa di minacce quotidiane. Questo non può più accadere e la Lega, vi do la mia parola, farà in modo che non accada, perché le nostre forze dell’ordine meritano il massimo supporto possibile.

I commenti sono chiusi.