BI24_FLASH_LA STORIA. Gli “Ursis Biella” e la vicenda vera, difficile, forte, di Emanuele Lo Bue e della sua famiglia…

Due ruote, un motore e, soprattutto, un cuore grande così. I ragazzi degli “Ursis Biella”, il capitolo provinciale dell’Mc “Shot Gun Law”, il gruppo motociclistico internazionale aperto a tutti i componenti delle forze dell’ordine con la passione della moto, i questi giorni sono vicini ad Emanuele Lo Bue ed alla sua famiglia.
Emanuele è un 18enne di Cologno Monzese con la passione per le forze dell’ordine e soprattutto per i carabinieri ed è in coma neurovegetativo dal 2007, a seguito della complicazione di una appendicectomia. Una vita difficile, che il ragazzo ed i suoi parenti affrontano ogni giorno con un coraggio difficile da emulare. Ma non basta.
Ed allora, ecco che la visita al ragazzo degli “Ursis”, diventa pretesto per raccontare questa storia vera e forte e, chiaramente, per chiedere che i biellesi, come gli italiani, si mobilitino raccogliendo fondi per aiutare queste persone che sono l’esempio, dei tanti fratelli che non vanno più lasciati soli.

I commenti sono chiusi.