BI24_FLASH_L’EVENTO. Biella: il “Macist” ha riaperto i battenti, raccontando la Vespa come Omar Ronda avrebbe voluto

Una preziosa selezione di Vespe storiche, dalla fine degli anni quaranta agli anni ottanta, affiancata ad una quarantina di esclusive opere d’arte, realizzate appositamente per l’evento da nomi di fama internazionale come Ugo Nespolo e Daniele Basso. A due mesi dall’addio a Omar Ronda, il Macist, il museo cittadino voluto dall’artista recentemente scomparso, ha riaperto i battenti per ospitare una mostra che mischia sapientemente arte e design, storia e divertimento.
Sabato scorso, di fronte ad appassionati del mitico scooter Piaggio creato proprio a Biella ed a tanti rappresentanti della comunità di artisti della Provincia, il “Fondo Edo Tempia” ha inaugurato negli spazi che sovrastano “Cittàdellarte”, la mostra “La Vespa nella storia e
nell’arte”, che fino al 30 giugno racconterà oltre settant’anni di storia sociale e di costume, italiana e mondiale.

I commenti sono chiusi.