BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “La sinistra italiana fa ribrezzo. E la Boschi deve vergognarsi”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Non bastavano le porcherie della famiglia Boschi già evidenziate in tutti gli articoli della stampa nazionale (persino, in alcuni casi, dai giornali di sinistra!); a volte, anzi, mi chiedo, riferendomi al passato, se fosse giusto accusare gli uomini della ‘prima repubblica’, senza ancora avere conosciuto i disinvolti ‘scandali’ e soprattutto gli incredibili personaggi della ‘seconda repubblica’.
Non bastava, venendo al dunque, la ‘platealità’ del padre Boschi, che ormai si credeva chiaramente ‘onnipotente’, né la dura ed insistita difesa della figlia Maria Elena, che ormai, di questi tempi, non riesce a convincere neppure i ‘compagni’ di partito. Va ricordato che persino la scelta luogo in cui si dovrà ‘battere’ elettoralmente, affidatole direttamente dal partito, dimostra la vergogna dei social-comunisti, che preferiscono addirittura assegnarle l’Alto Adige rispetto a Roma, pur di ‘nascondere’ Maria Elena agli occhi dei cittadini!
Vale per di più la pena di sottolineare, solo per coloro che non ne hanno ancora avuto notizia, che il padre della Boschi è riuscito ad evitare il processo per evasione fiscale ‘grazie’ all’Agenzia delle Entrate! La Guardia di Finanza ha infatti scoperto che, attraverso la vendita di un ‘rustico’, papà Boschi ha messo in tasca la bellezza di 250.000 (duecentocinquantamila!) euro, ovviamente incassati e messi in tasca ‘in nero’!
Naturalmente e nome di una società, come capita sempre quando c’è da ‘nascondere’ qualche ‘utile’ consistente !!! Ora c’è da chiedersi, a questo punto, se la famiglia Boschi abbia fatto qualche ‘affare’ in regola con il fisco o se tutto, ormai, seguiva la logica dell’onnipotenza che sembrava mettere, secondo Boschi padre e Boschi figlia, al riparo da ogni ‘rischio’ di natura giuridico-fiscale. Credo, a questo punto, che sarebbe buona cosa sentire l’opinione dei ‘compagni’ di partito biellesi per sapere se hanno già sentito la vergogna per una componente ‘di vertice’ che pare si sia attivata per violare e per vedere violate, imponenti norme che tutti si attendevano dovessero essere invece rispettate.
Confido pertanto di poter leggere, a breve, i commenti dei dirigenti del partito, anche per spiegare ai disoccupati e sotto-occupati biellesi come, in realtà, sia semplice … evadere il fisco! Certo: forse c’è anche il rischio della galera, ma se c’è l’aiuto di Maria Elena… si può farcela! E’ comunque, in buona sostanza, una sinistra che fa letteralmente ribrezzo e che deve ritrovare, ma con grande fatica, il senso del dovere, della lealtà, della giustizia e del rispetto assoluto delle leggi!

I commenti sono chiusi.