BI24_FLASH_BIELLA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “L’inutile visita di Renzi e le condizioni in cui si lavora in carcere…”

_Sandro Delmastro Delle Vedove
La forte protesta, sviluppatasi negli ultimi mesi ed ancora la settimana scorsa, degli agenti di polizia penitenziaria ha lasciato completamente indifferenti tutte le cosiddette “Autorità”: abbiamo avuto in Biella anche la presenza ‘furtiva’ di Matteo Renzi e credo di poter affermare, senza tema di smentite, che nessuno si è fatto avanti per segnalare che ormai da mesi la polizia penitenziaria vive e lavora in condizioni letteralmente ‘pietose’.
Si tratta di un ambiente di lavoro con un numero di agenti del tutto insufficienti e, come è ovvio, riguarda una professionalità rispetto alla quale conta molto la serenità per poter esprimere appieno ciò che lo Stato esige: mancando calma e tranquillità, nasce il rischio della ‘rivolta’, così come emerge chiaramente attraverso gli ormai numerosissimi punti di vista che esprimono il disagio e la disaffezione dei lavoratori dipendenti.
Ma, e mi spiace doverlo ripetere, nessuno ha ritenuto di dovere spendere la benché minima parola a favore della polizia penitenziaria, neppure cogliendo l’occasione della venuta in città dell’ex-premier Renzi! So per certo – se debbo essere sincero – che non sarebbe cambiato nulla, ma gli uomini della sinistra biellese avrebbero certamente fatto buona cosa utilizzare la venuta del ‘leader’ della sinistra (ma quale sinistra? Mah!) per sottolineare questo problema lavorativo enorme.
Ho letto con attenzione anche le dichiarazioni del segretario Fns Cisl Piemonte Orientale Salvatore Mangione e del segretario provinciale Roberto Bompan: entrambi hanno chiesto un semplice “punto d’ascolto” delle loro doglianze e non è stata data neppure questa semplice e necessaria risposta ed accoglienza di argomenti. Non avevo già stima di Matteo Renzi, sicché la sua ‘venuta’ mi lascia personalmente del tutto indifferente; ora fanno di tutto per farmi perdere stima e considerazione anche degli uomini della sinistra biellese (ripeto: ma quale?). Boh?

I commenti sono chiusi.