BI24_FLASH_PUNTI DI…SVISTA. Raffaella Spaudo: “In Liguria, la battaglia contro l’obbligo vaccinale è stata finalmente vinta”

_Raffaella Spaudo
In Liguria la lotta contro l’obbligo vaccinale è stata vinta: “i bambini sono deboli e vanno protetti” e dispensati dalla vaccinazione se non ve ne sono le condizioni di sicurezza, che sarebbero imposte dalla legge 210 del ’92. No all’obbligo vaccinale per una serie di motivi articolati anche da l’Associazione di Studi e Informazione sulla Salute (Assis), l’Associazione per la Medicina centrata sulla Persona Onlus (AMCP) e l’Associazione Attuare la Costituzione (ALC) che a una conferenza stampa a Milano hanno illustrato le basi giuridiche e scientifiche che motivano il no all’obbligo vaccinale di un’ampia schiera di professionisti della salute e di giuristi. La legge messa in discussione è la 119/2017 del 31 luglio scorso che introduce l’obbligo di 10 vaccinazioni pediatriche nella fascia di età 0-16 anni.
Gli effetti collaterali da vaccino sono reali e vanno presi in seria considerazione esonerando i bambini che rischiano di manifestare gravi reazioni avverse dovute a una loro particolare fragilità di salute. Sono discutibili le modalità con le quali il governo ha annunciato l’obbligo vaccinale senza dare spiegazioni, senza fare campagne informative, senza portare all’attenzione della popolazione gli studi scientifici e medici
presi in considerazione per arrivare a fare tale legge.
Il consenso “informato” ai genitori, è tutt’altro che trasparente e completo e nel caso di reazioni avverse serie anche se spesso passeggere, c’è la tendenza a minimizzare e dare la colpa ad altri fattori, e su questo parlo per esperienza personale. «L’affermazione secondo cui le vaccinazioni siano esenti da rischi rappresenta una falsità scientifica». Per esempio: il vaccino cellulare antipertosse può causare febbre elevata, arrossamento e gonfiore nel sito di iniezione, dolore (severo moderato) agitazione (severo moderata) anoressia, vomito, ipotonia iporesponsività; il vaccino contro il tetano può causare neurite branchiale e anafilassi. Il Vaccino contro il Morbillo febbre, convulsioni, encefalomielite, trombocitopenia, anafilassi; il vaccino contro la varicella :convulsioni febbre superiore ai 39°, rush locale o generalizzato.
Nessuno studio ha confrontato le differenze nei risultati dello stato di salute tra bambini completamente immunizzati e bambini mai vaccinati, sarebbe interessante sapere gli effetti a lungo termine. I vaccini sono positivi poiché debellano le malattie ma è importante informare e supportare nel migliore dei modi i bambini fragili e quelli che manifestano reazioni serie e preoccupanti ,rendere note le evidenze scientifiche e mettere a confronto gli esperti di vari paesi europei sul tema visto che ci sono differenze notevoli sull’obbligo vaccinale nel continente.

I commenti sono chiusi.