BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Raffaella Spaudo: “Denunciare molestie sessuali 20 o 30 anni dopo? Fuori tempo massimo”

_Raffaella Spaudo
Denunciare molestie sessuali 20 o 30 anni dopo che sono accadute è a dir poco “fuori tempo massimo”. E’ giusto che certi reati non cadano in prescrizione e che non ci siano limiti di tempo per sporgere denuncia ma si dovrebbe distinguere tra “stupro” e “molestia”, perché le cose sono ben diverse e la loro gravità cambia notevolmente. Asia Argento ha denunciato il noto produttore americano con qualche decennio di ritardo e con la carriera ormai “al sicuro”, dopo di lei molte altre si sono fatte avanti per imitarla ma non credo che le esperienze che vanno a denunciare gli abbiano causato gravi disturbi post-traumatici, hanno infatti intrapreso brillanti e ben remunerate carriere, non si sono chiuse in un guscio di dolore come accade alle vittime non consenzienti di violenti stupri.
Lo “schifoso” mondo di Hollywood, il sesso come merce di scambio, è sempre stata cosa nota ma tutti facevano finta di non vedere; le donne che hanno mosso i primi passi in quel ambiente ben sapevano in cosa potevano imbattersi ma questo non le ha fermate, la propria dignità era meno importante del ruolo da protagonista in un film quindi hanno accettato avances alimentando questo sistema corrotto e “rubando” le parti ad attrici migliori che invece volevano poter contare solo sulle proprie capacità.
E’ un atto nobile denunciare le molestie subite, ma solo quando la donna non è stata consenziente, se ha accettato per ottenere una carriera allora ha sbagliato qualcosa nel suo ragionamento: nobile sarebbe stato non accettare e andare subito a denunciare invece che farlo 2 0 3 decenni dopo con il successo conquistato e le tasche piene di soldi.
Molte brave attrici hanno perso parti da protagoniste perché non si sono piegate, ma non possono che essere felici di quanto hanno conquistato con le loro sole forze poiché è tutto meritato, quindi tutto l’appoggio possibile a loro e a quelle che denunciano violenze subite, quanto alle altre vorrei poter porre una domanda: se potessi tornare indietro rinunceresti alla sicurezza di una carriera facile e quindi alle avances del produttore?

I commenti sono chiusi.