BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Raffaella Spaudo: “Lo stupro di Rimini non importa, ma la Boldrini sostiene Asia Argento…”

_Raffaella Spaudo
Appello della Boldrini ad Asia Argento: “Resta in Italia, siamo con te”. “Devi rimanere in Italia per rafforzare la solidarietà tra donne. Asia non mollare”.La terza carica dello stato, la “ paladina delle donne “ (solo di alcune) ancora una volta fa parlare di sé per la sua (discutibile) capacità di “ selezionare “ le donne a cui esprimere la propria solidarietà femminile del “noi donne”.
Quando è ancora “assordante” il silenzio per lo stupro di Rimini ad opera di immigrati (non certo integrati, tanto per cambiare) che le aveva giustamente contestato la Meloni, la Presidenta combatte per evitare che L’Argento lasci il Bel Paese. “Cara Asia ,dice la Boldrini al Corriere della Sera , non è il momento di arrendersi, devi restare in Italia, la stragrande maggioranza delle donne ti appoggerà”.
Siamo sicuri che si sia ‘arresa’? In tv da Bianca Berlinguer Asia dice che lascerà l’Italia, ma non subito, deve organizzarsi, ma tornerà per le vacanze quindi non è un addio ma un arrivederci, un po’ come il digiuno per lo ius soli fatto a staffetta che suona un po’ ridicolo. Asia si sente abbandonata dalle italiane quindi dichiara che tornerà quando le cose miglioreranno a combattere battaglie con tutte le altre donne.
Ma lei è una paladina che le donne le ha insultate a volte: tempo fa fotografò Giorgia Meloni di spalle in un ristorante e poi postò la foto su Instagram con una didascalia infame : “La schiena lardosa di una fascista”. E anche: “Il culo grasso di una ricca senza vergogna”, aggravata dal fatto che la leader di Fratelli d’Italia era in stato di gravidanza. Forse è per la comune “antipatia” che Boldrini appoggia l’attrice che ha denunciato di essere stata violentata dal produttore Harvey Weinstein.
Ma non bisogna dimenticare neanche gli insulti a Selvaggia Lucarelli negli studi di “Ballando sotto le stelle: “piccione, serpente, analfabeta, parassita”. E, ancora più grave, la difesa a spada tratta di Roman Polansky accusato di aver stuprato una tredicenne! Questo per la Boldrini non conta e dice: “È il momento di fare squadra tra le donne ,ognuno lo può fare nel proprio ambito, nello spettacolo, come nella politica”.
Anche le colleghe l’hanno attaccata per aver denunciato molestie sessuali (non stupro) dopo tanti anni, e lei si offende perché non ha ricevuto tutto il sostegno che voleva, eppure la Presidenta si è prodigata più per lei che per la povera signora polacca stuprata in spiaggia, che per sempre riporterà danni fisici e morali incancellabili e gravissimi.
Le italiane a mio parere se ne faranno una ragione se l’attrice la si vedrà solo per le vacanze, piuttosto importa di più che venga svolta una vera e propria lotta alla violenza sulle donne, alla sicurezza delle strade, alla difesa dei minori, perché stupri, molestie e violenze in genere sono inaccettabili, per tutte le donne e bambini, non solo per alcuni.

I commenti sono chiusi.