BI24_FLASH_CARABINIERI. Cossatese: 4 polacchi ed un marocchino, nei guai per rissa. Ed a casa di uno spunta un “arsenale”

Prima hanno scatenato una rissa all’esterno di un locale, poi a casa di uno di loro, i carabinieri hanno trovato un vero e proprio arsenale, fatto di spade, bastoni “sfollagente” e repliche di armi da fuoco. C’è voluta l’azione congiunta dei carabinieri di Cossato, Mosso e Mottalciata, l’altro giorno, per rispondere alla chiamata giunta al 112, da parte del gestore di un locale del Basso Biellese.
Quando i militari sono giunti, in forze, nel luogo segnalato, hanno innanzitutto dovuto separare i contendenti, prima di iniziare a ricostruire i fatti. A quel punto, inevitabili, sono scattate le denunce a piede libero per rissa, verso coloro che avevo iniziato la zuffa: un marocchino di 44 anni di Valle Mosso, tre uomini polacchi residenti a Masserano, di 44, 39 e 19 anni e un altro polacco 31enne domiciliato a Cossato.
Durante l’intervento, i carabinieri hanno anche deciso di effettuare una perquisizione nella casa di quest’ultimo e per lo straniero, la situazione si è fatta ancora più difficile: nell’alloggio, i militari hanno infatti trovato una vera e propria “Santa Barbara”, composta da oggetti decisamente pericolosi: 2 “katane”, 3 “nunchaku”, 3 repliche di pistola senza l’apposito tappo rosso ed un manganello “sfollagente”.

I commenti sono chiusi.