BI24_FLASH_CARABINIERI/1. Dodici uomini e le unità cinofile hanno controllato a fondo, i centri per migranti di Ronco e Chiavazza

Dodici carabinieri dalle compagnie di Biella e Cossato e le unità cinofile: ieri, i carabinieri si sono presentati così, di prima mattina, nei due centri di accoglienza per extracomunitari che ospitano Ronco e Chiavazza.
Come avvenuto lo scorso anno nella struttura di Occhieppo Superiore, l’intento è stato controllare le attività che si svolgono all’interno e cercare, nel limite del possibile, di fungere da deterrente contro gli atti di microcriminalità, che sono legati alla presenza dei finti profughi in Italia.
Agli ordini del capitano Quacquarelli, militari e cani hanno controllato accuratamente sia l’interno che l’esterno dei centri, oltre che i trenta cittadini stranieri, ospitati nelle strutture, In questo caso, i carabinieri non hanno riscontrato nessuna regolarità, nella loro gestione.

I commenti sono chiusi.