BI24_FLASH_LA STORIA. In carcere: salvare il detenuto suicida, oppure quello avvolto dalle fiamme? Stanno bene tutti e due…

Intervenire per il detenuto che ha appena dato fuoco al materasso ed alle lenzuola nella sua cella e rischia di morire soffocato dal fumo, oppure salvare quello che, praticamente nello stesso momento, in un’altra cella, decide di tentare il suicidio? Sono queste le domande che sempre più spesso devono farsi, sul lavoro, i ragazzi della Polizia Penitenziaria in servizio al Carcere di Biella. Il doppio fatto, è vero e risale a qualche giorno fa: naturalmente, entrambi i detenuti sono stati tratti in salvo e stanno bene…
“La situazione continua a peggiorare senza che vi siano spiragli. Abbiamo manifestato il nostro dissenso – spiegano i rappresentanti sindacali degli agenti che sono di stanza a via Dei tigli –chiedendo l’avvicendamento di Comandante e Direttore, stante l’incapacità di dare risposte e soluzioni al peggioramento delle condizioni lavorative degli agenti. Continueremo l’azione di lotta e di protesta a tutela dei diritti dei lavoratori, senza sosta”.

I commenti sono chiusi.