BI24_FLASH_Calcio, Eccellenza: il punto. Il Verbania è la squadra più forte del girone? Davvero? La Biellese, intanto vince 3-0…

Questa mattina, il Verbania era ancora la squadra più forte, attrezzata e ambiziosa del girone, una rosa in grado di partire – sulla carta – in vantaggio di due reti contro ogni avversario. Roba da salvarsi in serie D… Questa sera, lo stesso Verbania è una delle tante buone squadre che “abitano” il girone A dell’Eccellenza e che sicuramente, potranno giocarsi il primo posto insieme a tanti altri. Niente di più.
Niente di più, perché i biancocerchiati, al cospetto della Biellese di Roano, oggi pomeriggio hanno rimediato una figuretta meschina, cercando di gestire il match da grande squadra per poi colpire al momento giusto e finendo invece, “cotti e mangiati” dall’unica, vera grande squadra vista oggi all’opera al “Pozzo Lamarmora”: quella bianconera dentro, con la maglia rossa fuori.
E’ proprio così: non c’è trucco, non c’è inganno. Capitan Vanoli e compagni, giocano con una testa sola, corrono per cento, hanno sempre l’idea giusta e ad ogni partita, prendono sempre più confidenza con se stessi. E soprattutto, hanno tutti la stessa umiltà, dal giovane Artiglia al “vecio” Pierobon. Tutti “ragazzini” orgogliosi di combattere, per regalare alla città quella serie D che manca da troppi anni.
Grande bella squadra, quella bianconera, gran bell’allenatore colui che ha cominciato a “plasmarla”, con tanto silenzio e pochi soldi, tre anni fa: il trionfo contro il Verbania, porta infatti anche e soprattutto la firma di mister Andrea Roano, che nel secondo tempo azzecca i cambi che… cambiano: entrano Sella, Scavetta e Latta, il primo regala l’assist che scardina il match, gli altri due fanno il resto… In questi casi, i francesi dicono: “Chapeau!”.

I commenti sono chiusi.