BI24_FLASH_SITUAZIONE CARCERE. Favero tace, Susta è assente, Simonetti scrive ad Orlando: “Problema molto serio”

Per comprendere bene l’Italia ed il Biellese di questi anni, basta guardare la situazione venutasi a creare, nel silenzio, all’interno del Carcere di Biella. Direzione assente, detenuti violenti ed in mezzo a questi due fuochi, gli agenti di Polizia Penitenziaria e tutti i lavoratori, che ogni giorno operano “in prima linea” tra celle e sezioni. Una istituzione così delicata come il sistema carcerario, una professione così dura e complicata come il lavoro della Pol.Pen., nel nostro Territorio, ottengono, dopo mesi, il primo atto di interesse ufficiale, da parte di coloro che ci rappresentano a Roma. Favero tace. Susta non si sa neanche dove sia. E così, tocca a Roberto Simonetti di Lega Nord, scrivere al Ministro Orlando, per stigmatizzare i problemi di via Dei tigli…
“L’escalation di violenza rappresentato da ripetuti episodi di rissa e aggressione da parte di detenuti stranieri, nei riguardi degli agenti di polizia penitenziaria, presso l’Istituto carcerario di Biella – spiega l’ex presidente della Provincia – pone un serio problema di sicurezza che non può più essere tollerato. Ho pertanto scritto al Ministro Orlando, senza intento di polemica politica, ma con il solo scopo di poter risolvere tale situazione attraverso un suo intervento immediato e diretto, in ragione dell’interesse a tutelare la vita e la sicurezza dei nostri agenti di polizia penitenziaria, come d’altronde già rappresentatogli attraverso una mia interrogazione del luglio scorso. Spero proprio che questa ulteriore sollecitazione faccia giungere a livello romano il grido di allarme di un piccolo territorio come quello biellese”.

I commenti sono chiusi.