BI24_FLASH_FINANZA. L’azienda aveva sede in Lussemburgo, ma gli affari milionari si facevano a Biella: 7 denunciati

Oltre 50 milioni di euro sottratti al fisco italiano “individuati” e sette persone denunciate a piede libero, per aver sfruttato la “esterovestizione” di una ditta che si occupava di materie tessili grezze di grande pregio: è questo l’ennesimo, brillante risultato portato a casa, dopo mesi di indagini e controlli minuziosi, dagli uomini della Guardia di Finanza biellese.
L’azienda finita nel mirino delle “Fiamme Gialle”, di fatto, aveva sede in Lussemburgo, dove le tasse sono bassissime, ma la realtà e che tutte le attività si svolgevano negli uffici di Biella ed a Biella, hanno lavorato tutti gli amministratori finiti nei guai. Una situazione non facile da dimostrare, ma alla fine, ancora una volta, gli uomini del Comandante Dallerice hanno avuto la meglio.

I commenti sono chiusi.