BI24_FLASH_L’Italia vista da Biella. Sandro Delmastro: “E dopo 5 mesi, lo Stato abbandona la caccia a ‘Igor il Russo’…”

_Sandro Delmastro Delle Vedove
Eccoci dunque ancora una volta alla folle vicenda di “Igor il Russo”, che merita, comunque, di essere ricordata affinché non abbia mai più a ripetersi, proprio per il rispetto che tutti noi dobbiamo ai Carabinieri. E così, finalmente, lo Stato, come sempre del tutto inefficiente e, per di più (assolutamente, ci tengo a sottolinearlo) privo di senso del ridicolo, dopo un numero incredibile di comunicati stampa, di servizi giornalistici soprattutto di natura televisiva (il delitto del delinquente è, lo ricordo a tutti i Biellesi, del 2 aprile 2017!!!) ha deciso di tralasciare definitivamente la lotta per l’arresto dell’assassino.
Ormai è di tutta evidenza che nessuno più ci crede all’ipotesi di una cattura del criminale, malgrado il gigantesco dispiegamento di forze militari francamente incomprensibile, tenuto conto che si è saputo che sono stati impiegati oltre 1.000 Carabinieri armati di tutto punto. Ed il governo non dice ormai più una sola parola sulla questione, a conferma del fallimento integrale dell’operazione di polizia e del grave senso del ridicolo che ha caratterizzato i mesi dedicati ad “Igor il Russo”.
Già mi ero chiesto ed anzi avevo pubblicamente domandato quale sia stato il costo, presumibilmente stratosferico, di questa folle indagine priva del più semplice risultato (l’arresto del colpevole!), perché a tutto c’è un limite e, in questo caso, ogni limite è stato spaventosamente superato, esponendo i poveri Carabinieri, che peraltro hanno solo obbedito ad ordini superiori nel convincimento di un arresto ritenuto scioccamente purtroppo sin troppo facile, ad una magra figura.
E dunque “Igor il Russo” ha “vinto” ed il Governo ha perso: ora è sufficiente andare in Romagna o parlare con un personaggio del posto per rendersi esattamente conto della figuraccia cui i Carabinieri sono stati esposti: 1.000 contro 1! Io, francamente, per la grandissima stima che ho dell’Arma, credo che sarebbe forse opportuno che qualche spiegazione venisse offerta ai cittadini ed all’opinione pubblica. Anche i Romagnoli hanno diritto di avere piena fiducia nei Carabinieri, dimenticando al più presto questo capitolo che ha fatto sorridere, peraltro tristemente, mezza Italia!

I commenti sono chiusi.