BI24_FLASH_La lettera. Spiagge “fasciste”, un gruppo di biellesi scrive al Prefetto di Venezia: “Ordinanza infondata”

_Sandro Delmastro delle Vedove, Attilio Orcelletto, Sergio Scassa, Marina Caneparo, Giulio Frigerio, Raffaella Spaudo, Piero Casula, Maria Rosa Cora, Giancarlo Tacca, Antonio Giammarinaro, Giuseppe Magagna
“Al dottor Carlo Boffi, Prefetto di Venezia,
Eccellenza, ci permettiamo di rivolgere il nostro più netto disaccordo rispetto a quella che riteniamo essere stata la Sua ordinanza, infondata, del 10 luglio 2017. Il provvedimento da Lei assunto è, a nostro avviso, del tutto abnorme per le seguenti ragioni: a) è incredibile che un simbolo di tal genere abbia addirittura anni di vita e che, per quanto è possibile accertare, abbia avuto persino elementi delle Forze dell’Ordine che pare si siano recati, simpaticamente, a prendere il caffè! ; b) la Sua ordinanza, di fatto, ha assunto, purtroppo, un aspetto quasi ‘caricaturale’ (come ha dimostrato la stampa locale), in contrasto con la Sua volontà che certamente aveva profonda (anche se da noi non condivisa) serietà. Ecco perché esprimiamo contrarietà, al di là del dovuto e necessario rispetto per la Sua persona, al provvedimento 10 luglio 2017, che in realtà non riteniamo fondato. Gradisca, comunque, i sensi della nostra stima e del nostro rispetto”.

I commenti sono chiusi.