BI24_FLASH_Lavoro: a “CittàStudi”, arrivano i corsi gratuiti per diventare operatore della trasformazione agroalimentare

_Riceviamo da “CittàStudi” e pubblichiamo:
Nuova formula per il corso professionale gratuito “Operatore della trasformazione agroalimentare” proposto da Città Studi, che rientra nella direttiva regionale dell’obbligo istruzione finalizzata a combattere la dispersione scolastica.
Dal prossimo anno formativo, infatti, il corso diventa un percorso triennale rivolto ai ragazzi dai 14 ai 24 anni, in possesso di sola licenza media inferiore, anche assunti in apprendistato.
Nato per promuovere la crescita educativa e personale degli studenti, e al tempo stesso realizzato in raccordo con il sistema delle imprese, il corso rilascia una Qualifica Professionale ed è frutto di un lavoro sinergico di progettazione con le aziende.
La scelta del percorso di formazione al termine delle scuole medie è fondamentale, soprattutto se si è orientati verso un percorso professionale che immetta nel mondo del lavoro. Come sottolinea Alessandro Lamantia, Educatore e Assistente di Laboratorio di Città Studi: “E’ importante scegliere un corso e un istituto che diano gli strumenti necessari per garantire un futuro all’altezza delle proprie aspettative. Il risultato finale è dato da un mix di vari elementi: un team di docenti costituto da esperti di formazione provenienti dal mondo del lavoro, laboratori con tutte le attrezzature necessarie a riprodurre fedelmente un ambiente di lavoro reale, tutor e coordinatori che vantano un’esperienza pluriennale nell’affiancare i giovani durante il percorso formativo e di accompagnamento al lavoro, con grande attenzione agli aspetti psicologici e pedagogici”.
Da un punto di vista didattico il corso analizza le caratteristiche merceologiche del prodotto, le tecniche di elaborazione e trasformazione e le norme igienico-sanitarie. L’operatore della trasformazione agroalimentare sarà in grado di intervenire nel processo lavorativo, avendo competenza nello svolgimento delle diverse fasi di trasformazione, conservazione, confezionamento e stoccaggio dei prodotti alimentari. Potrà inserirsi nel settore dell’alimentazione, lavorando presso attività commerciali quali ristoranti, pizzerie, gastronomie, pasticcerie, caseifici, ecc.
Con il sistema duale dell’alternanza scuola/lavoro previsto dal II anno, inoltre, gli studenti avranno modo di acquisire le competenze direttamente in reparto, entrando in contatto con le diverse realtà aziendali coinvolte nei singoli progetti formativi.
Il nostro obiettivo – afferma Stefano Napolitano, insegnante di cucina del corso – è quello di formare dei veri professionisti che non solo devono possedere le capacità e le competenze per svolgere al meglio questo lavoro, ma devono anche sviluppare abilità relazionali indispensabili per lavorare in una brigata di cucina, all’interno della quale sono fondamentali la comunicazione e il rispetto dei ruoli. Nel settore agroalimentare ci sono ad oggi buone possibilità di inserimento per i giovani che dimostrano motivazione e voglia di mettersi in gioco”.
Altra novità del prossimo anno è la possibilità, rivolta a giovani sino a 24 anni in possesso di qualifica professionale, di frequentare un anno di specializzazione per conseguire un Diploma Professionale in Tecnico della trasformazione agroalimentare.
Per ogni ulteriore informazione o per iscriversi al corso gratuito, che partirà nel mese di settembre, è possibile rivolgersi alla Segreteria didattica di Città Studi in Corso G. Pella 10, chiamare i numeri 015 8551111/31, scrivere a formazione@cittastudi.org, o consultare l’apposita pagina web: http://www.cittastudi.org/operatore-della-trasformazione-agroalimentare.

I commenti sono chiusi.