BI24_FLASH_BIELLA (POCO) SICURA/3. E mentre Cavicchioli non fa nulla, a Cossato Corradino interviene con i vigili…

Da una parte, l’avvocato dei falsi profughi Marco Cavicchioli, nel ruolo di sindaco di Biella, permette senza remore che la città venga invasa da posteggiatori abusivi e accattoni. Dall’altra, il primo cittadino di Cossato Claudio Corradino, che la Lega vorrebbe candidare tra due anni proprio nel capoluogo, si presenta nella zona del mercato con i suoi vigili e allontana una “risorsa” che – alla faccia di quanto sono brave e carine coop e onlus – stava chiedendo l’elemosina.
In pratica, la campagna elettorale di Corradino per Biella, gliela sta già facendo quello che potrebbe essere il suo futuro avversario… “Ha fatto bene ad intervenire – spiegano infatti Michele Mosca e Giacomo Moscarola – mentre assistiamo al totale immobilismo da parte dei suo collega di Biella Cavicchioli sull’argomento. Auspichiamo che la stessa decisione venga messa in campo anche per stroncare il problema al mercato del capoluogo, preda di molti posteggiatori abusivi. Chiediamo inoltre alla Prefettura di vigilare sulle cooperative al fine di evitare che chi percepisce già un sussidio da parte dello Stato, vada ancora a chiedere altri soldi per scopi oscuri”.
“Questi – spiega infine Corradino – sono i primi risultati dei controlli specifici che ho indetto e che si prolungheranno anche nelle prossime settimane. Non possiamo permettere che questi fenomeni di accattonaggio o di abusivismo vengano tollerati. Purtroppo la legge è molto blanda sull’argomento, mentre per i posteggiatori abusivi si può applicare il codice della strada, per i questuanti confido nel buonsenso dei miei concittadini. Si tratta di persone seguite, accudite e sfamate con i soldi dei contribuenti, non hanno bisogno di ulteriore denaro che non sappiamo se venga poi speso in modo lecito, chiedo pertanto ai cossatesi di foraggiare questi personaggi attraverso l’elemosina”.

I commenti sono chiusi.