BI24_FLASH_Calcio: ieri si è ufficialmente presentato il Sandigliano di Donsi, Borri e Sartori. Si parte dalla Terza categoria

Giuseppe Donsi come “patron”, suo figlio Mario nel ruolo di Presidente, Fabrizio Sartori direttore sportivo, Dario Amoruso a fare da trait d’union con il Comune ed il paese. E naturalmente, Piero Borri e Renzo Gemma, in campo a far “trottare” una squadra nuova di zecca, che vuole però essere subito protagonista. Protagonista di tante cose, non solo di una partita di calcio della domenica.
Il calcio, a Sandigliano, riparte così, dopo anni di fusioni e contro-fusioni, che hanno tolto al piccolo centro che si trova alle porte di Biella la propria squadra storica, la Sandiglianese ed i propri colori, il rosso ed il blu. “Tornerà tutto”, hanno spiegato, idealmente in coro, ieri sera durante la presentazione avvenuta in una delle strutture più belle del paese, l’ex Cascina Casazza.
“Questa società – parte da un retroscena divertente, Dario Amoruso – è nata in quaranta minuti, mentre ero all’estero a farmi curare i… denti. Ho conosciuto Giuseppe (Donsi), abbiamo cominciato a parlare e quando abbiamo fino, il Sandigliano era realtà”. “Erano un po’ di anni che ero lontano dal calcio – gli fa eco proprio Donsi – ma ho accettato subito di far parte di questo progetto. Riparto da uno staff di professionisti e da un allenatore, Borri, con cui ho già vinto a Vigliano: partiamo dalla Terza, ma non vogliano certo restarci. E nei prossimi mesi, attraverso la Scuola Calcio Torromino, proveremo an che ad iniziare qualcosa, per i bambini del paese. Vogliano vincere, vogliamo costruire, ma vogliamo farlo in maniera intelligente, ecco perché ci siamo dati tre stagioni, per tirare poi le somme”.
“Il finale di stagione a Mongrando – è il momento di mister Borri – non mi faceva ancora dormire. Poi mi è stato proposto di iniziare questa nuova avventura e… tutto è passato. Abbiamo tre anni, per diventare una delle identità di Sandigliano”. La voglia di tornare in campo dell’ex tecnico biancoverde, è incontenibile, ma prima bisognerà attendere le operazioni di mercato condotte dal ds Fabrizio Sartori, che conclude la presentazione di questo nuovo e frizzante Sandigliano, promettendo: “Dopo Valle Elvo e Mongrando, riparto da zero qui, con la stessa voglia di vincere. Non è facile convincere un giocatore a scendere in Terza, ma sono certo di poter mettere in mano al mister, una rosa che saprà subito farsi valere”.

I commenti sono chiusi.