BI24_FLASH_ACCADDE OGGI: il 29 luglio del 1983, viene ucciso Rocco Chinnici, il magistrato che creò il “Pool antimafia”

Rocco-Chinnici-biella24

Prima ancora di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, subito dopo il Generale Dalla Chiesa, quando “cosa nostra” pensava e sperava ancora, di poter piegare la schiena allo Stato, con il sangue e la violenza, una delle “vittime predestinate” su cui i malavitosi decisero di puntare, era stato il giudice Rocco Chinnici, ossia colui che per primo, pensò ad un “Pool”, espressamente assemblato per combattere e processare la mafia. Il magistrato, viene ucciso il 29 luglio del 1983, davanti alla sua casa di via Pipitone a Palermo, da un’auto imbottita di tritolo. Con lui, muoiono due carabinieri della sua scorta ed il portiere del palazzo.

I commenti sono chiusi.