BI24_FLASH_Biella, via Ivrea/1. Moscarola: “Fanno le piste ciclabili, ma cancellano due posti per i disabili: atteggiamento indegno”

biella-via-ivrea-posto-disabili-cancellato-biella24-001

Via Ivrea, ormai, può essere considerata la zona di Biella, che più tiene banco, nel dibattito politico cittadino degli ultimi tempi. Come se non bastasse, la questione dell’ennesimo supermercato – che alla faccia dei piccoli negozi – aprirà nella zona dismessa che si trova dietro l’Itis, adesso l’Amministrazione comunale, deve prestare il fianco anche alle lamentele che stanno sorgendo, per la realizzazione della pista ciclabile, che collegherà “Città Studi” con piazza Cossato.
Prima, l’ira di chi parcheggia all’Università e, da un giorno all’altro, si è visto cancellare decine di posti, ora, le proteste di Giacomo Moscarola e non solo… per la… misteriosa sparizione, dei due posti auto per disabili, che si trovavano nel tratto iniziale di via Ivrea: “Nei giorni scorsi – è l’esordio del consigliere leghista – l’Amministrazione Comunale ha provveduto a far tracciare una nuova pista ciclabile lungo l’asse di Via Ivrea e Corso Pella. A seguito di questi interventi, però, sono stati cancellati due posti per la sosta dei disabili, uno nei pressi della Farmacia di Via Ivrea e uno nei pressi dell’ingresso di ‘Città Studi’…”.
Si, insomma, vanno bene sia lo spirito ecologico che la passione dei ciclisti, ma non a discapito, di chi deve vivere con una disabilità permanente: “La mobilità di queste persone – conclude infatti Moscarola, che sulla questione ha preparato anche una interrogazione – dovrebbe essere tutelata in maniera prioritaria: cancellare gli stalli per le persone disabili, nei pressi di una farmacia e di una scuola, senza provvedere alla ritracciatura immediata, è un atteggiamento indegno, per una qualsiasi città civile”.

I commenti sono chiusi.