BI24_FLASH_Gaglianico: il Consiglio comunale del… mistero. La minoranza: “Perché, è stato rinviato?”

maggia_ener.bit

A Gaglianico, il Consiglio comunale di venerdì scorso, che doveva essere fondamentale, per gli aspetti più importanti della vita amministrativa, si è invece trasformato nella seduta dei… misteri: la convocazione, infatti, è stata clamorosamente annullata, con avviso spedito solo il giorno prima ed una motivazione, che aggiunge ulteriore mistero alla vicenda.
Secondo la lettera giunta a tutti i consiglieri, infatti, nonostante la scadenza, per l’approvazione del bilancio, fissata per il 30 aprile a livello nazionale, si è dovuto aggiornare tutto quanto, perché il revisore dei conti del comune, ha chiesto di poter effettuare ulteriori approfondimenti e verifiche…
Insomma, non proprio un bel segnale, soprattutto da punto di vista dei consiglieri di minoranza Anna Pisani, Barbara Cozzi e Lorenzo Mussone, che non hanno potuto, non stigmatizzare la vicenda: “Già – spiegano infatti i tre – l’ultimo Consiglio comunale, qui a Gaglianico, risale al dicembre del 2015. Se poi, dopo quattro mesi, viene rinviato anche quello più importante dell’anno, è difficile non preoccuparsi… Abbiamo già chiesto, di incontrare proprio il revisore dei conti, per capire quali siano i suoi dubbi, perché bisogna fare in fretta e ci sono argomenti importanti, come il bilancio e le tasse comunali, che andrebbero discusse in maniera tranquilla, dopo essersi preparati a dovere…”.
Il problema, per le forze di minoranza gaglianichesi, è sempre il solito: l’atteggiamento, del primo cittadino Paolo Maggia, che “Prosegue nella politica dell’uomo solo al comando – terminano Pisani, Cozzi e Mussone – prendendo decisioni, senza mai condividerle con l’opposizione”.

I commenti sono chiusi.