BI24_FLASH_Salute: protocollo d’intesa tra Anci e sindacati. Le spese per eliminare l’amianto, al di fuori del Patto di Stabilità

amianto-generico-biella24

Secondo l’Arpa, in Piemonte, ci sono 87.000 siti in cui è presente l’amianto e, quindi, potenzialmente pericolosi per la salute di tutti quanti. Non per nulla, il 18% delle 4.000 morti per neoplasie che si registrano in Italia ogni anno, avvengono nella nostra Regione.
Una situazione, che ha spinto il presidente dell’Anci Piemonte Andrea Ballarè e i segretari regionali di Cgil, Laura Seidita, Cisl, Marcello Maggio e Uil, Francesco Lo Grasso, a firmare un protocollo d’intesa, che costituisce una risorsa importantissima, per ogni Amministrazione comunale biellese.
Se, da una parte, con il documento si chiede a Renzi e Chiamparino, di applicare subito il Piano nazionale amianto, dall’altra, si permette infatti ai sindaci dei Comuni, di poter andare al di là del Patto di Stabilità. Per qualsiasi spesa legata allo smaltimento dell’Eternit.
“E’ inoltre urgente individuare – spiega Ballarè – nuove discariche per colmare la carenza di strutture idonee allo smaltimento: oggi oltre il 60% dell’amianto bonificato viene esportato all’estero. L’Anci si attiverà per promuovere accordi interistituzionali, con il coinvolgimento del Ministero dell’Ambiente, della Regione e dei Comuni”.

I commenti sono chiusi.