Biella: accordo Comune-Caritas, in Vernato nascerà un “condominio solidale” per famiglie in difficoltà. Ma chi è solo?

biella-assessore-salivotti-biella24

E finalmente, venne il giorno dei Biellesi: dopo aver fatto tanto, quasi tutto, per gestire l’emergenza profughi, la città di Biella si è finalmente ricordata del terzo mondo “vero”, che esiste già in città, sotto gli occhi di tutti.
Ieri, gli assessori Gaido e Salivotti hanno infatti raggiunto con la Caritas, un importante accordo che in breve, vedrà la nascita anche a Biella, in Costa del Vernato 56, di un “condominio solidale”.
Di cosa si tratta? Di una palazzina oggi inutilizzata perché da ristritturare, che – attraverso una apposita richiesta alla Regione – verrà tolta dalla lista degli alloggi popolari che vengono assegnati attraverso le normali liste, per essere messa a disposizione di quelle famiglie in emergenza abitativa, a rischio di marginalità sociale o che abbiano al loro interno, persone con problemi fisici, mentali o di disagio sociale.
L’edificio scelto, è composto da sei appartamenti che possono essere abitati da un minimo di tre persone, ad un massimo di sei. Il Comune li darà in comodato gratuito alla Caritas, che dovrà però farsi carico dei lavori di ristrutturazione.
Un passettino avanti, insomma, ma non dimentichiamoci di chi non ha neanche più il sostegno ed il sollievo di una famiglia. Uno di quegli alloggi, forse, dovrebbe essere meso a disposizione, di quei senza-tetto della città, che dimostrino di voler provare a risalire la china.

Annunci

I commenti sono chiusi.