Tragedia sul Monviso: Massimo Canella, cade davanti al figlio e muore dopo un volo di 200 metri

biella-massimo-canella-biella24

Il Popolo Biellese, è popolo di montagna e come tale, sa benissimo quale meravigliosa, intesa ma pericolosa passione, sia quella di sfidare le vette, andare oltre la roccia verso il cielo.
Lo sapevano Machetto e Bernascone, lo sapeva benissimo anche Massimo Canella, 59 anni, il meccanico biellese che ieri, durante una escursione sul Monviso, è scivolato davanti agli occhi del figlio Nicolò, a cui aveva trasmesso la sua passione, morendo dopo un terribile volo du 200 metri.
La tragedia è avvenuta in mattinata e, per ore, il Soccorso alpino ha provato a recuperare il corpo dell’alpinista, che si trovava ad una cinquantina di metri dal bivacco Andreotti, dove nel mentre era stato accompagnato il figlio, chiaramente sottoshock.
Purtroppo, le condizioni meteo e il sopraggiungere della notte, ha impedito all’elisoccorso di raggiungere il corpo di Massimo Canella, che è stato quindi recuperato questa mattina.

I commenti sono chiusi.